Green Day: ecco perché le royalties di “Oh Yeah!” andranno in beneficenza

fonte articolo e foto – rockol.it – redazione musica.

L’ultimo singolo della band di Billie Joe Armstrong campiona un brano di Joan Jett dove Gary Glitter è tra gli autori.

Dopo l’uscita del nuovo singolo dei Green Day, “Oh Yeah!”, la band guidata da Billie Joe Armstrong ha rivelato che le royalties generate dalla canzone andranno a due enti di beneficenza: International Justice Mission e RAINN.

Ciò è dovuto al fatto che nella canzone viene campionata una traccia di Joan Jett originariamente scritta dal cantante inglese glam-rock Gary Glitter, un pedofilo che ha abusato sessualmente di tre ragazze tra il 1975 e il 1980 che, per i suoi crimini, è stato condannato a 16 anni di reclusione nel 2015.

Questo il messaggio con il quale i Green Day hanno comunicato il loro intento sui loro social network:

“A proposito, abbiamo campionato una canzone del grande album di Joan Jett “Bad Reputation”. Uno degli autori di quella canzone è uno stronzo totale, quindi doneremo i nostri diritti d’autore di questa canzone a IJM e RAINN.”

Il lavoro di International Justice Mission comporta il tentativo di porre fine alla violenza contro le persone che vivono in condizioni di povertà o vittime di schiavitù, mentre RAINN (Rape, Abuse & Incest National Network) è la più grande organizzazione americana contro la violenza sessuale.

“Oh Yeah!” è inclusa nell’album “Father of All…” che verrà pubblicato il prossimo 7 febbraio. I Green Day presenteranno i brani dell’album in concerto in Italia il 10 giugno all’Ippodromo Snai di Milano e l’11 giugno alla Visarno Arena di Firenze.

Commenti

commenti