Pelù, da 40 anni sul ring, anche da ‘Pugile Fragile’

fonte articolo e foto – ansa.it – redazione musica stefano rottigni.

Nel ventesimo disco ambiente e lotta a violenza contro donne.

Quarant’anni su un ring, anche se da ‘Pugili fragili’, e con un avversario “che quel ring lo cambia ogni istante”. Piero Pelù, in questi quattro decenni, ha pubblicato, da solo o con i suoi “amatissimi” Litfiba, venti album e l’ultimo, “Pugili Fragili” (Sony) è una ‘summa’ dei generi che ha frequentato in tutto questo tempo in cui si è divertito parecchio, “perché se non ti diverti più è meglio andare a zappare l’orto”, spiega in conferenza stampa. Tra le dieci tracce del disco, che da domani sarà disponibile in cd, vinile e sulle piattaforme digitali, trovano spazio rock, cantautorato, blues, metal, grunge, gospel ed elettronica. Quest’ultima instillata con una sapiente mediazione tra le roventi chitarre rock di Pelù e l’elettronica di Luca Chiaravalli che ha insieme all’artista fiorentino ha arrangiato e prodotto l’album. “Io ho un retaggio da trio rock alla Stooges – sintetizza il front man dei Litfiba -, lui andava in direzione ostinata e contraria. Poi siamo andati nella stessa direzione”. “Dicono sempre che il rock è morto, poi ti ritrovi a Sanremo a scippare una signora della borsa”, racconta divertito sull’avventura nella Città dei fiori. In ‘Pugili fragili’ non vi è solo la volontà di rinnovare la propria cifra musicale (“non riuscirei mai a fare un disco uguale a un altro”): il rocker rafforza anche il suo impegno civile. Aggiunge, infatti, alla sua nota attenzione ambientalista – in ‘Picnic all’inferno’ compaiono anche brani, autorizzati, degli interventi di Greta Thunberg – altri, impegnativi argomenti da affrontare: le infanzie negate, la violenza sulle donne, la paura del diverso. Al disco, oltre alla Thunberg, collaborano Francesco Sarcina de ‘Le Vibrazioni’, Andrea Appino, degli ‘Zen Circus’ e Davide Simonetta. Con Appino, Piero Pelù canta ‘Fossi foco’, ispirata a Cecco Angiolieri “il primo poeta punk della storia”. Non potevano mancare tra le dieci canzoni ‘Gigante’, il brano molto apprezzato al festival di Sanremo e ‘Cuore matto’, che il rocker ha eseguito nella sezione cover all’Ariston. Dopo l’uscita del disco, Pelù sarà impegnato a promuoverlo in un instore tour in numerose città italiane; quindi la tournée estiva ‘Pugili fragili live 2020’ a cominciare dal 3 luglio. Compatibilmente con gli impegni del tour estivo porterà avanti il suo ‘Clean beach tour’, il progetto con Legambiente per sottrarre plastiche e microplastiche dall’ambiente. Sono passati 40 anni da quando, su consiglio del Diaframma Federico Fiumani, in un circolo Arci, l’allora misconosciuto Piero Pelù, si costruì il palco da solo usando i tavoli del locale. “Io continuo a pensare di appartenere a un mondo artigianale – spiega la sua attitudine -: preferisco essere un cesellatore e non essere invece in catena in montaggio” nel fare musica

Commenti

commenti