Morgan canta ‘Nostalgia de Milan’ per tutti gli italiani che non possono vivere le loro città

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione musica.

“A tutti i milanesi e agli italiani che in questi tempi stanno soffrendo perché non possono vivere la vita nelle città che amano e coi loro affetti, da cui sono lontani”

“A tutti i milanesi e agli italiani che in questi tempi stanno soffrendo perché non possono vivere la vita nelle città che amano e coi loro affetti da cui sono lontani, una canzone antica ma bellissima in una lingua che non si parla più ma si può ancora cantare, il milanese”. Questa la dedica di Morgan, che ha pubblicato su YouTube una sua versione di Nostalgia de Milan.

Si tratta di una brano popolare in dialetto milanese, scritto da Giovanni D’Anzi (autore anche delle parole di “O mia bela Madunina”) e da Alfredo Bracchi tra il 1939 e il 1940. La canzone diventò particolarmente popolare durante la seconda guerra mondiale ed entrò anche nel repertorio di Alberto Rabagliati: parla a tutti i milanesi costretti a stare lontano dalla propria città, come successe allo stesso D’Anzi, che visse per diverso tempio tra Roma e Brindisi. E oggi, nelle note di Morgan e con la quarantena e il distanziamento sociale che impongono di stare a casa, assume un significato tutto nuovo.

Ecco il testo:

Stasera sunt in vena
de fa el sentimental,
la nòtt l’è inscì serena
ma mi me senti mal.

Te scrivi, cara mama,
sun stuff de restà chì,
el me Milan el me ciama
visin a ti.

O mama mia,
mi sun luntan,
ma g’hoo la nostalgia
del mè Milan.

Mi vuraria
turnà duman,
t’el giuri, curaria
cunt’ el coeur in di man.

Vedè la Madunina,
sentì ‘l mè bel dialett,
sveèliass una mattina
in del mè lett.

O mama mia,
inscì luntan,
t’el giuri, piangiaria
pur de vess a Milan.

La par ‘na stupidada,
se pensi ai mè bastiun
ma foo ‘na sifolada
per cascià giò el magun.

E quand ven giò la sera
rivedi i bei tusann,
rivedi la ringhera
di mè vint’ann.

Oh mama, mama mia bela là,
mi sun tant distant de ti,
e pensi sempre al mè bel Milan,
al noster bel Milan

Vedè la Madunina,
sentì el mè bel dialett,
sveèliass una matina
in del me lett.

Mameta bela,
mi turneru
e semper in sul coeur
te stringeru!

Commenti

commenti