Blog

Echo The Bunnymen e Apparat al Barezzi Festival

fonte articolo e foto – ansa.it – redazione musica.

A Parma dal 15 al 17/11 anche J.P.Bimeni, Vasco Brondi e Dente.

Dagli alfieri del post-punk britannico Echo & The Bunnymen al producer Apparat, che ha trasformato Berlino nella capitale dell’elettronica, fino al “superstite del soul”, J.P.Bimeni, senza trascurare la musica italiana d’autore, rappresentata da Vasco Brondi, Dente e Renzo Rubino. Sono tra i protagonisti della 13/a edizione del Barezzi Festival, in programma dal 15 al 17 novembre a Parma. In cartellone anche il ‘french touch’ dei Nouvelle Vague, il folk rock di Scott Matthews, la musica da camera del Quartetto Coll’Arco e il djset di Marcellus Pittman.
    Diretto da Giovanni Sparano, il festival dà avvio a un sodalizio con la Fondazione Teatro Regio, che da quest’anno ne cura l’organizzazione, diventa la sua casa e accoglierà la maggior parte degli eventi in calendario. Si comincia venerdì 15 con il cantautore e scrittore ferrarese Vasco Brondi, anima de ‘Le luci della centrale elettrica’, poi con Echo & The Bunnymen, di cui è uscito da poche settimane il nuovo album ‘The Stars, The Oceans & The Moon’.

Read More

Kiss, nel tour d’addio anche un concerto all’Arena di Verona

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione musica.

La band ha annunciato un lungo ultimo tour prima di lasciare le scene: tra le date annunciate c’è anche un concerto in Italia.

Dopo una carriera lunga e piena di successi, i Kiss diranno addio alle scene con un ultimo, gigantesco tour mondiale. L’annuncio è arrivato a sorpresa sul palco di America’s Got Talent, dove la band si è esibita suonando Detroit Rock City. Il tour, intitolato “End of the Road”, sarà di 75 date, tra cui una serie di concerti in Europa nell’estate 2020 e una data Italiana all’Arena di Verona.

L’appuntamento è per il 13 luglio, poi la band partirà per Polonia, Ungheria, Svizzera, Sud Africa e infine Stati Uniti. I dettagli relativi ai biglietti non sono ancora disponibili.

“Dobbiamo tutto quello che abbiamo conquistato nel corso degli ultimi quattro decenni alle milioni di persone che hanno riempito club, arene e stadi di tutto il mondo”, ha scritto la band in un comunicato. “Questa sarà l’ultima celebrazione per tutti coloro che ci hanno già visto e l’ultima occasione per quelli che non lo hanno ancora fatto. Stiamo per salutarvi con il nostro tour d’addio e il più grande show di tutti i tempi. Ce ne andiamo esattamente come siamo arrivati: impazienti e inarrestabili”.

Read More


Piero Pelù sul palco con Appino e Rancore

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione musica.

In alcune date del tour solista, che partirà da Roma il 13 novembre, il cantante dei Litfiba ospiterà il rapper, il cantante degli Zen Circus e membri dei Bandabardò.

Si chiama Benvenuto al mondo tour il nuovo giro di concerti di Piero Pelù. In alcune date, il cantante sarà affiancato sul palco da Rancore, Andrea Appino degli Zen Circus, Erriquez e Finaz della Bandabardò. Alcuni concerti saranno aperti da Alosi e i Life in the Woods. “Sono felice e orgoglioso di condividere il palco di questo tour di riscaldamento, oltre che con i miei magnifici Bandidos, anche con artisti di grande calibro”, ha detto Pelù.

Pelù presenterà pezzi dei Litfiba e da solista, tra cui il recente Picnic all’inferno, basato sul discorso tenuto da Greta Thunberg a Katowice nel dicembre 2018. Sarà accompagnato dai Bandidos, ovvero Giacomo Castellano (chitarra), Luca Martelli (batteria, cori e sequenze) e Dado Neri (basso, doppia chitarra e cori).

Queste le date del tour:
13 novembre – Roma, Atlantico Live (ospiti Andrea Appino degli Zen Circus e Rancore)
15 novembre – Bologna, Estragon (opening act Alosi)
16 novembre – San Biagio di Callalta (Treviso), Supersonic Music Arena (opening act Alosi)
19 novembre – Milano, Alcatraz (opening act Alosi)
20 novembre – Venaria Reale (Torino), Teatro della Concordia (opening act Alosi)
22 novembre – Firenze, Tuscany Hall (ospiti Erriquez e Finaz della Bandabardò, opening act Life in the Woods)

Read More

Coldplay: doppio concerto in diretta streaming dalla Giordania

fonte articolo e foto – ansa.it – redazione musica.

Trasmissione su YouTube il 22 novembre in occasione dell’uscita del nuovo album ‘Everyday Life’

I Coldplay, con una conferenza stampa online insieme a YouTube Originals, hanno annunciato il lancio del nuovo album “Everyday Life” con due concerti in Giordania il 22 novembre, giorno dell’uscita del loro ottavo album, che saranno trasmessi in diretta streaming.

“Coldplay: Everyday Life – Live in Jordan” si terrà ad Amman e rispecchierà le due metà del doppio album da 52 minuti: Sunrise e Sunset. Il concerto Sunrise inizierà alle 5 del mattino (ora italiana), mentre il concerto Sunset seguirà alle 15. È la prima volta che la band si esibisce in Giordania.

“La trasmissione di questi due concerti – hanno detto i Coldplay – è stata un nostro sogno da quando abbiamo iniziato a lavorare all’album. A pensarci ora, è una cosa che un po’ spaventa e che sembra impossibile, come tutti i migliori sogni. Ma YouTube è la casa perfetta per la sua realizzazione”.

L’album uscirà in tutto il mondo venerdì 22 novembre su etichetta Parlophone/Atlantic su 1xCD, 2xLP e in digitale. I due brani “Orphans” e “Arabesque” sono già stati pubblicati il 24 ottobre e sono disponibili in download e streaming.

Read More


Zero il Folle è tornato

fonte articolo e foto – ansa.it – redazione musica claudia fascia.

Debutto per nuovo tour, faccia a faccia tra uomo e artista.

 Renato il Folle è tornato, con le sue parrucche, i suoi cappelli stravaganti, i travestimenti, gli abiti sgargianti ed eccessivi. E con uno show dalle mille sfaccettature che è uno spettacolo per gli occhi, ma soprattutto per le orecchie.
Ha debuttato a Roma, nel palazzetto dello Sport, il 1novembre e rimarrà per altre cinque date prima di spostarsi in giro per l’Italia fino a gennaio (con 14 soldout già registrati), il nuovo live di Renato Zero, “Zero il folle in tour” (dal titolo dell’ultimo album pubblicato qualche settimana fa), con l’esplicativo sottotitolo “Perché folle è chi sogna, chi è libero, chi provoca, chi cambia”. E Renato, archiviata al momento l’esperienza più metafisica e filosofica di Zerovskij del 2017, non smette di sognare, di provocare, di cambiare. Sul palco, che diventa quinta teatrale con tanto di sipario, drappi, maschere bianche a troneggiare dall’alto e un’orchestra digitale che di tanto in tanto compare sullo schermo di fondo, porta tutto il suo mondo di artista controcorrente e anticonvenzionale. La sua musica e le sue canzoni (quelle di Zero il Folle al centro dell’attenzione, con 12 brani su 13 in scaletta) la fanno da padrone, in un turbinio di cambi d’abito (sarannoo quasi una ventina a fine concerto, poco meno di uno a canzone), per tre ore piene di spettacolo. Il via, alle 21 in punto, lo dà Il mercante di stelle, con un Renato Zero che arriva sul palco con il volto coperto e una tunica con stampa fiorata e un vaso di fiori in testa, versione Primavera di Botticelli.
Ma c’è spazio anche per qualche considerazione: se la prende con la crisi delle nascite (le cicogne disertano”), con gli uomini violenti (“Non è femkinicidio. Si sono suicidat loro. Non è morta lei”), con l’accidia che caratterizza la società (“c’è chi timbra il cartellino per noi, chi va in Parlamento per noi, chi tromba per noi, chi non va in piazza siamo sempre noi”), con la crisi energetica (“Tutto non basta per tutti. E niente non è sufficiente per tutti. Finirà il carburante, e saremo costretti ad abbracciarci nuovamente, a stringerci la mano, ad andare a piedi al supermercato”), con i telefoni che lo infastidiscono durante il concerto (“Basta con i cellulari, siete venuti per Renato o per fare i cameraman. Metteteci l’anima, non queste cazzate”). Ringrazia Roma, “sei grande, non ci sono buche, non c’è monnezza che tengano”.
E’ un viaggio tra passato e presente, ma non è uno show amarcord. In scaletta ci sono anche le iconiche Madame e Triangolo, ma senza di lui in scena. Le lascia cantare ai coristi, come a segnare una distanza da quel tempo che fu. Una dicotomia che sembra risolversi nel finale, quando sul brano Zero il Folle, l’uomo Renato e l’artista Zero si guardano allo specchio. E fanno pace. Ma c’è anche l’omaggio, sulle note di Quattro passi nel blu, ai tanti amici scomparsi, i cui nomi compaiono uno dietro l’altro alle spalle di Zero. Sono tanti, tantissimi e l’emozione sale. Mia Martini, Ivan Graziani, Luigi Tenco, Lucio Dalla, Fabrizio De Andrè, Gabriella Ferri, Sergio Endrigo, Little Tony, Giuni Russo, Lucio Battisti, Domenico Modugno, Claudio Villa, Mango, Giogio Gaber, Enzo Jannacci, Alex Baroni, sono alcuni dei nomi dei compaiono. Gli applausi più commossi sono per Anna Marchesini, Pino Daniele, Franco Califano, e su tutti, Fabrizio Frizzi.
“Ero titubante all’inizio. Il calendario mi ha detto non hai più 18 anni. Poi ho riflettuto un po’, ho dato un’occhiata alla muscolatura, mi sono fatto mettere pure uno stent – rivela a sorpresa il cantautore ai saluti finali con Il Cielo -. Sarà molto dura liberarvi di me. Questa follia, tenetevela da parte: la calma piatta non ci piace un cazzo”.

Read More

I Deep Purple saranno gli headliner di Bologna Sonic Park 2020

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione musica.

a band inglese, che mancava dall’Italia da quattro anni, si esibirà il 6 luglio 2020 all’Arena Joe Strummer del Parco Nord di Bologna.

I Deep Purple sono i primi headliner annunciati per la nuova edizione di Bologna Sonic Park, che si terrà la prossima estate nell’Arena Arena Joe Strummer del Parco Nord del capoluogo. La seconda edizione del festival sarà, almeno al momento, anche l’ultima: il 31 luglio scadrà la gestione e non sappiamo se il prossimo bando comunale confermerà o meno la rassegna. Comunque vada, sappiate che Ian Gillan, Ian Paice, Roger Glover e il resto della band saliranno sul palco il 6 luglio, a quattro anni di distanza dall’ultimo live italiano.

I biglietti saranno in vendita sulla piattaforma di TicketOne a partire dalle 10 di giovedì 31 ottobre.

Read More


Musica: dal 24 novembre Mika in tour, con biglietti nominali

fonte articolo e foto – ansa.it – redazione musica.

Barley Arts, da sempre schierati contro il secondary ticketing.

Una tournée di ben 12 date nei palasport italiani, da Nord a Sud: Mika è pronto a partire con il suo Revelation Tour, prodotto nel nostro Paese da Barley Arts, dal 24 novembre all’8 febbraio 2020. Manca meno di un mese al debutto. L’organizzazione è al lavoro su più fronti, e Claudio Trotta patron di Barley Arts ricorda che “ai concerti di Mika sarà d’obbligo il biglietto nominale, per contrastare ogni forma di speculazione e il fenomeno del secondary ticketing.
L’invito è sempre quello di diffidare dai circuiti di vendita alternativi e non comunicati tramite i suoi canali ufficiali”.
La normativa sul biglietto nominale riguarda la messa in vendita dei ticket dopo il primo luglio. Barley Arts informa gli acquirenti sulle modalità che consentono il cambio di denominazione o la rivendita senza lucro. Per le date del tour del 2019 (Torino, Ancona, Roma, Casalecchio di Reno, Montichiari, Livorno, Assago), il cambio nominativo potrà essere effettuato a partire da circa un mese prima del concerto fino al giorno prima: le tempistiche esatte per ogni data saranno pubblicate sui siti dei singoli circuiti di biglietteria ufficiali (Vivaticket, Ticketmaster e Ticketone). Per quanto riguarda i concerti del 2020, le modalità verranno comunicate in seguito.
Tutte le date del “Revelation Tour”: Torino (24 novembre, Pala Alpitour) la prima città del tour italiano di Mika: gli altri live sono il 26 novembre, Ancona (PalaPrometeo); il 27, Roma (Palazzo dello Sport); il 29 Casalecchio di Reno (Bologna, Unipol Arena); il 30, Montichiari (Brescia, PalaGeorge); il 2 dicembre, Livorno (Modigliani Forum); il 3, Assago (Milano, Mediolanum Forum); il 1° febbraio 2020, Padova (Kioene Arena); il 2, Bolzano (PalaOnda); il 5, Napoli (Teatro PalaPartenope); il 7, Bari (Palaflorio); l’8, Reggio Calabria (Palacalafiore).
www.mikasounds.com

Read More

Guarda il nuovo video di Marco Mengoni, ‘Duemila volte’

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione musica.

Tra gli autori del brano, uno dei tre inediti contenuti in ‘Atlantico on Tour’, anche Mahmood.

È uscito il videoclip di Duemila volte, nuovo singolo di Marco Mengoni estratto dal suo disco Atlantico on Tour. Potete vederlo qui sopra.

Il brano, scritto da Mengoni con Mahmood, Alessandro Raina e Davide Simonetta, è uno dei tre inediti del progetto live in uscita il 25 ottobre. Il 6 novembre invece ricomincia il tour, qui tutte le date:

6 novembre Perugia, Pala Evangelisti
8 novembre Milano, Mediolanum Forum
9 novembre Milano, Mediolanum Forum
10 novembre Milano, Mediolanum Forum
11 novembre Milano, Mediolanum Forum
12 novembre Mantova, Grana Padano Arena & Theatre
14 e 15 novembre Conegliano, Zoppas Arena
17 novembre Pesaro, Vitrifrigo Arena
19 novembre Firenze, Nelson Mandela Forum
22 novembre Roma, Palazzo Dello Sport
24 novembre Eboli, Palasele
26 novembre Reggio Calabria, Palacalafiore
28 novembre Acireale, Pal’art Hotel
29 novembre Acireale, Pal’art Hotel

Read More