Blog

This is the category description for this category. You can change it here: Post > Categories. This is an excellent way to attract your users and explain what this category is all about and also explain what they can do in this category and how does it matter to them.

Guarda il nuovo video di Mahmood, ‘Rapide’

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione musica.

Il video del brano è abbastanza strano: diciamo soltanto che c’è Mahmood che cavalca una tartaruga d’oro gigante.

Il 2019 è stato l’anno di Mahmood, culminato con la vittoria al Festival di Sanremo con Soldi con l’uscita dell’album Gioventù bruciata. E il 2020 sarà l’anno del suo nuovo album e di un nuovo tour in tutta Italia. Per festeggiarlo, Mahmood ha fatto uscire oggi il suo nuovo singolo, intitolato Rapide

Il video del brano è abbastanza strano: diciamo soltanto che c’è Mahmood che cavalca una tartaruga d’oro gigante. Era da po’ che non lo sentivamo – dai due singoli Calipso Barrio – e possiamo dire che ci era mancato. 

Read More

Piero Pelù, il nuovo album si intitola ‘Pugili fragili’

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione musica.

Uscirà il 21 febbraio e conterrà ‘Gigante’, la canzone che sarà presentata a Sanremo.

Piero Pelù ha annunciato l’uscita di un album di inediti. Si intitola Pugili fragili, uscirà il 21 febbraio. È il suo primo disco solista di nuove canzoni da Fenomeni del 2008.

L’album conterrà Gigante, il pezzo che Pelù presenterà a Sanremo 2020. Scritta con Luca Chiaravalli, co-autore e produttore tra le altre cose di Occidentali’s Karma di Francesco Gabbani, la canzone è dedicata ai nipoti e, si legge in un comunicato, a “chi lotta per rinascere a nuova vita liberandosi dalle catene di un passato difficile (i ragazzi e le ragazze dei carceri minorili di Nisida e di tutta Italia)”.

Pelù, che in ottobre ha pubblicato una canzone dedicata a Greta Thunberg intitolata Pic nic all’inferno, con Legambiente e comune di Sanremo invita fan e studenti alle ore 11 di mercoledì 5 febbraio, durante il festival, a raccogliere plastiche e microplastiche dalla spiaggia di Bussana.

Read More


Musica: Bastianich, da restaurant man a rocker in tour

fonte articolo e foto – ansa.it – redazione musica.

Al via a Milano presentazione album ‘Aka Joe’

Da restaurant man e volto tv a rocker, Joe Bastianich ha dato il via al tour di presentazione del suo album ‘Aka Joe’ ieri sera allo Zio Live Music Club di Milano con lo show di musica, aneddoti, parole e ricordi “New York Stories”.
    In questo spettacolo, Joe Bastianich svela la sua parte più intima e si racconta nei panni di musicista. Il lavoro, registrato a Los Angeles, esplora diversi generi come l’alternative rock, l’alternative country e l’American music, con sonorità legate al rock-blues e al funky. “La musica per me rappresenta l’espressione più pura, l’emozione più vicina al cuore. In questo album – racconta l’ex volto di Masterchef – ho raccolto l’essenza più vera della mia vita, quella più intima, tra passioni, paure, ambizioni e amore. Racconta molto di me, di ciò che sono, che ho fatto e che farò. È la mia rivelazione più personale e inedita”

Read More

Nel 2020 uscirà un nuovo album degli AC/DC con Brian Johnson

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione musica.

A dare la notizia bomba uno speaker australiano. Mancherebbe davvero poco.

Il 2020 sarà un anno interessante per i fan degli AC/DC: pare infatti che la band tornerà a suonare live con Brian Johnson.
Secondo quanto dichiarato dal conduttore radiofonico australiano Eddie McGuire, Johnson tornerà nella band dopo i problemi di udito riscontrati negli scorsi anni, la band pubblicherà un album e partirà per un tour in autunno.

Sempre secondo Eddie, il gruppo potrebbe riunirsi col Phil Rudd, batterista che ha lasciato la band nel 2015 dopo problemi con la giustizia che riguardavano il possesso di droga e minacce di morte a un ex dipendente: «Angus è in prima fila, e forse anche Rudd», ha dichiarato McGuire. Mancherebbe davvero poco, stay tuned.

Read More


Musica: Sting, prima data tour italiano 23 luglio a Parma

fonte articolo e foto – ansa.it – redazione musica.

Anteprima festival ‘Parma Città della Musica’ con i Kraftwerk.Parma Città della Musica’Anteprima festival ‘Parma Città della Musica’ con i Kraftwerk.

Sarà Parma, capitale italiana della cultura 2020, il palcoscenico della prima tappa italiana del nuovo tour di Sting: l’artista britannico si esibirà per la prima volta nella città emiliana il 23 luglio al Parco della Cittadella con il suo ‘My songs tour 2020’, nell’ambito della seconda edizione del festival ‘Parma Città della Musica’.
    La rassegna quest’anno anticipa a luglio, invece che a settembre, e avrà come protagonisti – promettono gli organizzatori – importanti artisti italiani e internazionali. Ad aprire il festival, con un’anteprima al teatro Regio, saranno il 23 maggio i Kraftwerk, pionieri della musica elettronica, con uno show multimediale che fonde musica e arte performativa, una tappa speciale del tour ‘Kraftwerk 3-D’ 2020.

Read More

Green Day: ecco perché le royalties di “Oh Yeah!” andranno in beneficenza

fonte articolo e foto – rockol.it – redazione musica.

L’ultimo singolo della band di Billie Joe Armstrong campiona un brano di Joan Jett dove Gary Glitter è tra gli autori.

Dopo l’uscita del nuovo singolo dei Green Day, “Oh Yeah!”, la band guidata da Billie Joe Armstrong ha rivelato che le royalties generate dalla canzone andranno a due enti di beneficenza: International Justice Mission e RAINN.

Ciò è dovuto al fatto che nella canzone viene campionata una traccia di Joan Jett originariamente scritta dal cantante inglese glam-rock Gary Glitter, un pedofilo che ha abusato sessualmente di tre ragazze tra il 1975 e il 1980 che, per i suoi crimini, è stato condannato a 16 anni di reclusione nel 2015.

Questo il messaggio con il quale i Green Day hanno comunicato il loro intento sui loro social network:

“A proposito, abbiamo campionato una canzone del grande album di Joan Jett “Bad Reputation”. Uno degli autori di quella canzone è uno stronzo totale, quindi doneremo i nostri diritti d’autore di questa canzone a IJM e RAINN.”

Il lavoro di International Justice Mission comporta il tentativo di porre fine alla violenza contro le persone che vivono in condizioni di povertà o vittime di schiavitù, mentre RAINN (Rape, Abuse & Incest National Network) è la più grande organizzazione americana contro la violenza sessuale.

“Oh Yeah!” è inclusa nell’album “Father of All…” che verrà pubblicato il prossimo 7 febbraio. I Green Day presenteranno i brani dell’album in concerto in Italia il 10 giugno all’Ippodromo Snai di Milano e l’11 giugno alla Visarno Arena di Firenze.

Read More


Sanremo, scoppia il caso Junior Cally

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione musica.

Dopo la lettera delle deputate che definiva i testi del rapper “pieni di violenza, sessismo e misoginia”, il presidente della Rai Foa prende posizione definendo la sua presenza in gara “eticamente inaccettabile”. La replica del manager.

Dopo la lettera in cui 29 deputate di diversi schieramenti condannano la presenza in gara di Junior Cally che – si legge – in passato ha firmato brani “pieni di violenza, sessismo e misoginia”, anche il presidente della Rai, Marcello Foa, esprime “forte irritazione per scelte che vanno nella direzione opposta rispetto a quella auspicata”.

Le parlamentari sottolineano come “la direzione artistica del festival di Sanremo sia in palese contrasto con il contratto di servizio della Rai, i cui principî generali prevedono di ‘superare gli stereotipi di genere, al fine di promuovere la parità e di rispettare l’immagine e la dignità della donna anche secondo il principio di non discriminazione’”.

“Il Festival”, dichiara Foa, “tanto più in occasione del suo 70esimo anniversario, deve rappresentare un momento di condivisione di valori, di sano svago e di unione nazionale, nel rispetto del mandato di servizio pubblico. Scelte come quella di Junior Cally sono eticamente inaccettabili per la stragrande maggioranza degli italiani”. Foa sottolinea come la kermesse canora debba “promuovere il rispetto della donna e la bellezza dell’amore. La credibilità di chi canta deve rientrare fra i criteri di selezione. Chi nelle canzoni esalta la denigrazione delle donne e persino la violenza omicida, e ancora oggi giustifica quei testi avanzando pretese artistiche, non dovrebbe beneficiare di una ribalta nazionale“. Foa spera che “il direttore artistico, che gode di stima anche per essere persona moderata e di buon senso, sappia riportare il Festival nella sua giusta dimensione”.

“In merito alle polemiche sui presunti contenuti sessisti dei testi di Junior Cally”, risponde il management del rapper, “precisiamo che la posizione dell’artista è contro il sessismo, i passi avanti o indietro, e ovviamente – sembra banale dirlo, ma non lo è – contro la violenza sulle donne. Non capiamo, inoltre, se la polemica sia di carattere musicale o politica: della partecipazione di Junior Cally a Sanremo si ha notizia dal 31 dicembre e tutti i suoi testi sono disponibili sul web. Mentre del testo di No grazie selezionato al Festival di Sanremo e delle sue rime antipopuliste si è venuti a conoscenza solo il 16 gennaio da un’intervista al Corriere della Sera. Il giorno dopo, per pura coincidenza, si accendono polemiche legate a canzoni pubblicate da anni in un età in cui Junior Cally era più giovane e le sue barre erano su temi diverse da quelle di oggi”.

“Raccontare la realtà attraverso la fiction è la grammatica del rap. E non solo del rap: la storia della musica ha tantissimi esempi di racconto del mondo attraverso immagini esplicite, esagerate e spesso allegoriche” sottolinea il manager portando ad esempio frasi esplicite nei testi di vari artisti che hanno calcato il palco dell’Ariston e citando anche Eminem. “È evidente dunque che su questa polemica non solo Junior Cally e le sue rime, ma anche le donne e il sessismo non c’entrano nulla. Due sono le cose: o si accetta l’arte del rap, e probabilmente l’arte in generale, che deve essere libera di esprimersi, e si ride delle polemiche. Oppure si faccia del Festival di Sanremo un’ipocrita vetrina del buonismo, lontana dalla realtà e succursale del Parlamento italiano”, conclude.

Read More

Sanremo 2020: un sondaggio dice che lo guarderanno due italiani su tre

fonte articolo e foto – rockol.it – redazione musica.

L’indagine demoscopica condotta dalla NotoSondaggi, inoltre, incorona “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno canzone più bella presentata al festival.

A quindici giorni dall’inizio della settantesima edizione del festival della canzone italiana, che si terrà al Teatro Ariston di Sanremo (Im) dal 4 all’8 febbraio, la polemica imperversa: gossip, politica, rapporti di genere uomo-donna.

Come scrive il sondaggista Antonio Noto sul Quotidiano Nazionale, il festival è una consuetudine consolidata per buona parte degli italiani e queste polemiche sono per la maggior parte delle volte alimentate dalla politica che cerca di averne riscontro e vetrina.

Almeno questo è quanto emerge dal sondaggio condotto dall’Istituto Demoscopico NotoSondaggi. Infatti, per il 53% delle persone consultate la politica cerca di essere presente durante il festival per averne un ritorno mediatico. Il 65% degli intervistati dichiara che lo seguirà, a fronte di un 24% che dice di non esserne assolutamente interessato e il 64% sostiene che si tratta solo di canzoni, mentre il 27% ritiene che sia anche un modo per propagandare un messaggio politico. Il 58% afferma poi che il festival è ancora lo specchio della società e, per rispondere all’ultima domanda, il campione preso in esame giudica “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno e “Perdere l’amore” di Massimo Ranieri, rispettivamente con il 42 e il 41%, sono le canzoni più belle presentate nelle sessantanove edizioni del concorso canoro.

La composizione anagrafica di quanti seguiranno il festival quest’anno indica che interessa il 20% dei giovani (tra I 16 e I 24 anni), il 61% degli adulti e il 72% degli anziani.

Read More